Marmellata di albicocche fatta in casa
DOLCI DOLCI E BEVANDE GLUTEN FREE DOLCI VEGAN FATTI A MANO SALSE E E PREPARAZIONI IN CASA GLUTEN FREE VEGAN VEGETARIANO

Marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa

Marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa

Marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa

In estate preparo un sacco di marmellate fatte in casa, usando poco zucchero perché la frutta è già abbastanza dolce da sola e non amo la marmellata classica con il rapporto di zucchero 2:1. È troppo dolce per i miei gusti. Io di solito uso un rapporto di 3:1, praticamente 300 grammi di zucchero per ogni chilo di frutta. Normalmente, se la frutta è matura al punto giusto, è abbastanza. Se la preferisci più dolce, puoi sempre aumentare il quantitativo di zucchero.

Quando si fa la marmellata conviene fare un bel carico di frutta alla volta, poiché tra snocciolatura e cottura, si ritira parecchio e, infine, escono pochi barattoli. Consiglio sempre di fare almeno 5 chili per volta, come in questo caso. Se alcuni passaggi non ti sono chiari o non sei pratico di marmellate fatte in casa, puoi seguire tutti i passaggi nel video del mio canale Youtube, che si vede sopra. Nel canale, trovi anche tante altre marmellate e tutti i metodi per sterilizzare i barattoli e privarli delle etichette. Anche per quanto riguarda la pectina, la faccio io e non uso additivi industriali come fruttapec.

Uso poco zucchero ma lo zucchero è indispensabile per fare la marmellata e per farla conservare a lungo. Altri metodi di dolcificazione che si possono usare, vanno consumati in fretta.

INGREDIENTI:

5 KG ALBICOCCHE

1,5 KG DI ZUCCHERO

per la pectina:

1 MELA

1/2 LIMONE

200 ML ACQUA

Preparazione della pectina:

In un pentolino, metti l’acqua, il torsolo e la scorza della mela, insieme a mezzo limone. Se il limone è molto forte, basta anche un quarto. Far cuocere le scorze per 5 minuti, fino a che si riduce l’acqua e diventa almeno la metà.

Preparazione della marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa:

Lava e asciuga con un canovaccio le albicocche. Togli il nocciolo, il picciolo ed eventuali parti rovinate dalle albicocche. Se l’albicocca è troppo rovinata non la usare: potrebbe rovinare tutta la partita. Taglia a pezzetti le albicocche e mettile tutte in una ciotola con sotto una bilancia, per controllare il peso della frutta. In base al peso, si mettono 300 grammi di zucchero per ogni chilo di albicocche. In una casseruola grande, metti le albicocche e 1,5 kg di zucchero, su fuoco medio/basso. Filtra la pectina e mettila nella casseruola. Mescola di tanto in tanto.

Quando le albicocche iniziano a cuocersi, si forma una schiuma in superficie, che va tolta con una schiumarola. Continua la cottura per almeno 1 ora e mezza, prima di passare a frullare la frutta con un immersore. Abbassa la fiamma e continua la cottura, sempre con un coperchio, per evitare che la marmellata schizzi dappertutto. Gira spesso la marmellata e non la perdere di vista. Se si attacca la marmellata sul fondo o la fiamma è troppo alta, lo zucchero si caramella e prende un colore più scuro.

Quando la marmellata si addensa e rimane attaccata al mestolo di legno, è pronta per essere passata nei barattoli. La marmellata di albicocche tende a rimanere più liquida, perciò continuare la cottura fino alla densità desiderata, ricordando che, durante la bollitura per fare il sottovuoto, la marmellata cuoce ancora e si addensa anche nel barattolo.

Sterilizzazione e formazione sottovuoto dei barattoli per la marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa:

Mentre la marmellata cuoce, sterilizza i barattoli dove andrà la marmellata, facendo bollire i barattoli lavati, in una casseruola con acqua. Se metti i barattoli in verticali e sono completamenti coperti di acqua, entrano più barattoli nella casseruola, che metterli in orizzontale. Fai bollire i barattoli per 30 minuti e mettili da parte. I tappi vanno bolliti per 10/15 minuti.

Metti la marmellata, ancora bollente, nei barattoli. Lascia 1/2 cm di spazio fino al bordo del barattolo; pulisci il bordo con uno scottex e chiudi con il tappo, facendo attenzione a seguire bene la guida e verifica che la superficie del bordo non sia intaccata, cosa che comprometterebbe la formazione del sottovuoto. Metti i barattoli in una casseruola con un po’ di acqua ed un canovaccio. Fai passare il canovaccio tra i barattoli e coprili. L’acqua deve arrivare ad 1 cm dal coperchio dei barattoli. Chiudi con coperchio. Quando l’acqua inizia a bollire, considera 30/40 minuti. Potrebbe essere sufficiente anche 20 minuti, ma è sempre meglio considerare almeno 30 minuti per le marmellate, per essere sicuri che si formi il sottovuoto. Più tempo di bollitura è meglio, di meno, si rischia che non si formi il sottovuoto e si deve ricominciare daccapo. Spegni il fuoco e lascia raffreddare dentro la casseruola. Se hai tanti barattoli, invece, toglili e metti a bollire gli altri.

Consigli finali:

Quando i barattoli di marmellata di albicocche con poco zucchero fatta in casa è raffreddata, metti un’etichetta con dello scotch carta con la data di confezionamento. Se usi dei barattoli piccoli, potresti evitare la bollitura e mettere al contrario i barattoli, per far formare il sottovuoto. È una tecnica poco affidabile, perciò. se non si forma il sottovuoto con il ribaltamento, si deve passare alla bollitura. Se il sottovuoto è fatto bene, la marmellata dura per anni. A volte, per la formazione del sottovuoto e la fuoriuscita dell’aria, servono ore. Se dopo 12 ore non si è formato il sottovuoto, cambia il tappo e fai bollire di nuovo. Puoi guardare sul mio canale Youtube cosa fare quando non si forma il sottovuoto.

Ricetta vegana ad alto contenuto di nichel, senza glutine.

Vedi anche:

FATTI A MANO SENZA NICHEL

Sottaceti fatti in casa

Chi siamoKikkalove

Sono da sempre allergica al nichel, alla polvere, all'aglio, ai profumi e molte alte cose....
Già solo il nichel è un'impresa, ma, purtroppo, le mie allergie sono aumentate perciò....
Idea!!! Iniziare un blog dove raccogliere tutto il mio sapere e la mia esperienza, utile a darmi una mano nella vita quotidiana con le
allergiesia a me che a chi ha problemi simili ai miei, creando piatti gustosi, priva di allergeni si, privo di gusto no!!
Se la ricetta non esiste, la creo!!
Questo blog è dedicato ad allergici, intolleranti, vegani e celiaci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.