pizza pane con semola rimacinata

PIZZA PANE DI SEMOLA CON LICOLI

Pizza pane di semola con licoli

Pizza pane di semola con licoli

Oggi vi voglio proporre un altro dei miei esperimenti a base di licoli( lievito a coltura liquida), in cui mi diletto per fare il pane in casa.

Questa pizza pane è fatta con semola rimacinata di grano duro, concessa per il nichel, ma sempre con moderazione.

INGREDIENTI

600 GR SEMOLA RIMACINATA DI GRANO DURO

ALLERGIA AL NICHEL: cosa mangiare e cosa non mangiare

400 ML ACQUA TIEPIDA

150 GR LICOLI RINFRESCATO

8 GR DI MIELE

1 CUCCHIAINO DI SALE

Rifresco del licoli:

Ho rinfrescato il licoli ( 50 gr di acqua+ 50 gr di farina + 50 gr di licoli+ 2 gr di miele) e l’ho messo in forno spento con luce accesa a lievitare per 2 h.

Preparazione della pizza pane di semola con licoli:

Stemperare leggermente l’acqua e metterla in una planetaria.

Versare il lievito e mescolare con una spatola per scioglierlo bene.

Aggiungere il miele e continuare a mescolare, sciogliendo bene il lievito.

Piano piano inglomerare la farina nel composto, mescolando a mano con una spatola di silicone.

A metà della farina, ho aggiungere il sale, in modo che non andare in contatto con il lievito direttamente, che potrebbe interrompere la lievitazione.

Accendere la planetaria e far girare a velocità 2, continuando a versare la farina, fino a usarla tutta.

Far girare la macchina per una decina di minuti in totale.

Trasferire l’impasto su un piano di lavoro infarinato e lavorare a mano l’impasto per farlo incordare bene, iniziando a fare qualche piega.

Formare una palla con l’impasto e lasciar riposare per 10 minuti la prima volta prima di fare un giro di pieghe ( ho portato i lembi al centro, ho girato l’impasto e l’ho avvolto su sé stesso in 2 giri).

Ripetere l’operazione dopo 20 minuti, la seconda volta, dopo 30 la terza e dopo 1 h la quarta volta.

Dopo quest’ultimo giro di pieghe, aspettare mezz’ora e poi fare le forme.

Dividere l’impasto in 4 parti, fare dei giri di pieghe di  rinforzo e metterle su una leccarda ricoperta di carta forno.

Posizionare la leccarda in forno spento con la luce accesa e far lievitare per 5 h.

Passato il  tempo, togliere la leccarda e accendere il forno.

Per questa versione molto idratata, troverete le forme appiattite e tonde.

Consiglio:

Se le volete meno idratate, basta ridurre l’acqua  durante la lavorazione del pane, per avere un impasto meno idratato.

Cuocere in forno ventilato a 230°C gradi per 5 minuti, poi altri 20 minuti a 210  °C: infine altri 5  minuti a 200 °C gradi.

Se serve, cuocere ancora qualche minuto.

L’alta idratazione ha bisogno di più tempo di cottura.

Io le ho lasciate qualche altro minuto a forno spento, per farle asciugare un altro pò.

Ricetta senza nichel e lievito di birra.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.