CARCIOFI IN PADELLA

Carciofi in padella

Il carciofo (Cynara scolymus L.) è una pianta della famiglia Asteraceae coltivata in Italia e in altri Paesi per uso alimentare e, secondariamente, medicinale

L’Italia detiene il primato mondiale nella produzione di questo ortaggio (pari a circa il 30%). Le zone di maggiore produzione sono la Sicilia, Sardegna e Puglia.

Il carciofo è una tipica pianta degli ambienti mediterranei. Il suo ciclo naturale è autunno-primavera.

ALLERGIA AL NICHEL: cosa mangiare e cosa non mangiare

Il carciofo è ricco d’acqua, di carboidrati, di inulina e di fibre.

I minerali principali sono il sodio , il potassio, il fosforo e il calcio.

Tra le vitamine prevale la presenza di B1 e B3 e piccole quantità di vitamina C.

Il basso contenuto calorico del carciofo fa sì che sia specialmente indicato nelle  diete dimagranti.

Peccato,però, che il carciofo contenga molto nichel e rientra tra gli alimenti vietati a chi soffre di allergia. Soprattutto in detox, è un alimento da non mangiare. Si può provare, in reintroduzione , se si ha una certa tolleranza verso di esso e, in una dieta a rotazione o basso apporto di nichel, inserirlo in una giornata free.

I carciofi freschi si riconoscono dal fatto che hanno le punte chiuse e le foglie intere, sane e carnose, di un colore vivo tra il verde e il viola. Il gambo deve essere dritto e turgido, non pieghevole al tatto, ma croccante sotto la pressione delle dita.

Inoltre, controllare la barbetta interna: più è presente e più tempo hanno i carciofi. Esistono anche varietà senza barbetta, ed è preferibile comprare quelli: sono molto buoni, poco amari e si cuociono abbastanza in fretta.

Il metodo migliore per conservare i carciofi freschi è quello di immergere i gambi in acqua, come se fossero dei fiori( infatti i carciofi vengono usati anche per fare dei bouquet). Si conserveranno per 3/4 giorni. In frigorifero, invece, sarà meglio conservarli mondati, cioè privati delle foglie esterne e della punta, in un contenitore,dopo averli lavati in acqua e limone e asciugati. In questa maniera, secondo alcune scuole di pensiero, dureranno 1 settimana. Io, di solito, però, li lascio intatti, soprattutto quando li devo cuocere nei seguenti giorni.

Un passaggio fondamentale da ricordare quando si vogliono preparare i carciofi, è quello di metterli in ammollo in acqua con il succo di limone e il limone stesso. Questo procedimento toglierà la’amaro di carciofi e non li farà ossidare, altrimenti cambieranno colore velocemente durante la loro pulizia.

Sono ottimi ripieni, in padella,pastellati e fritti.

Io ve li voglio proporre tagliato a spicchi e cotto in padella, una variante nichel free dei carciofi alla romana, da proporre come contorno vegan e gluten free.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE:

4/ 6  CARCIOFI

OLIO, SALE E PEPE

20 ML VINO BIANCO

PEPERONE DOLCE IN POLVERE

1 BICCHIERE ACQUA

Preparazione dei carciofi in padella:

I carciofi  in padella vanno preparati con largo anticipo rispetto all’orario della cena perchè hanno tempi lunghi di preparazione e di cottura.

Togliere le foglie più dure esterne: io mi fermo quando cambia il colore e le foglie diventano più chiare e morbide(cuori di carciofo).

I vari passaggi della pulizia dei carciofi in una foto

Tagliare le punte: eliminare circa 1 cm della parte superiore del carciofo, la parte più violacea, dura e spinosa. Fare attenzione alle spine: possono essere evidenti ma anche piccole e infide.

Con un coltello ripulire la parte inferiore del carciofo e i gambi. Va eliminato dal gambo lo strato esterno, con un coltello o un pelapatate. Spesso, nei supermercati, si trovano carciofi senza gambo, ma, se li prendete interi non eliminate il gambo: è la parte più gustosa del carciofo. Spuntare solo il finale.

Tagliare il carciofo prima a metà e poi a spicchi, 4 in totale, e eliminare la barbetta interna con un coltello.

Preparare una ciotola d’acqua con succo di limone e inserire gli spicchi nell’acqua e lasciarli per almeno 30 minuti, per eliminare l’amaro.

Scaldare l’olio in una padella e versare gli spicchi di carciofo. Salare, speziare, pepare e aggiungere un bicchiere d’acqua e il vino bianco. Coprire e lasciar cuocere per almeno 30 minuti. Se serve, aggiungere altra acqua. I carciofi devono essere morbidi e non troppo croccanti.

Ogni tanto capitano dei carciofi che hanno bisogno di più tempo di cottura. Assaggiate e regolatevi di conseguenza. Non dimenticate di tenerli in acqua altrimenti saranno amari e cattivi.

Ricetta vegan e gluten free.

I carciofi in padella sono vietati per i nichelini per l’alto contenuto di nichel, soprattutto in detox. Da mangiare con moderazione in una dieta a rotazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.