LISTA ALIMENTI VIETATI PER IL NICHEL

 LISTA ALIMENTI VIETATI PER IL NICHEL

lista alimenti vietati per il nichel

 

La lista degli alimenti vietati per il nichel l’ho stilata comparando la mia lista e quella di altri allergologi per essere il più accurata possibile.

Le scuole di pensiero e le terapie cambiano da medico a medico,in base a quale revisione scelgono di attenersi, ma questa lista è accurata e aggiornata, soprattutto.

Questa lista vuole essere una linea guida per capire cosa si dovrebbe evitare in detox, ma non vuole sostituire in alcun modo quelle che vi sono state date dall’allergologo, ma completarle se non sono aggiornate.

Può aiutare a capire cosa evitare e quali alimenti considerati più nichelosi possono dare maggior fastidio a livello intestinale, ma molto dipende dal grado di allergia e infiammazione che uno ha.

Durante la detox, è buona norma evitare questi alimenti e curare anche l’intestino per permettere, in reintroduzione poi, di avere maggiore tolleranza, anche verso alimenti presenti in questa lista, un giorno.

Lo scopo della detox è quello di migliorare la tolleranza verso il nichel, comunque indispensabile al corpo, dopo aver ridotto l’infiammazione intestinale e riequilibrato il microbiota e passare poi a una dieta a rotazione.

E’ di grande aiuto, durante la detox, assumere fermenti lattici e fare una terapia chelante.

FRUTTA

AVOCADO

ALBICOCCHE ( alcuni le permettono in reintroduzione)

ALBICOCCHE SECCHE

AMARENE

ANACARDI

ANANAS

ARACHIDI

COCCO

DATTERI

FICHI

FICHI SECCHI

LAMPONI

MANDORLE

MELONE

MIRTILLI

MORE

NESPOLE

NOCI

NOCCIOLE

PERE

PINOLI

PISTACCHI

PRUGNE

UVA

UVA PASSA

KIWI

VERDURE

ALGHE

ASPARAGI

BROCCOLI

CAVOLINI DI BRUXELLES

CAVOLO

CAVOLFIORE

CARCIOFI

CRAUTI

FUNGHI

GERMOGLI DI SOIA

LATTUGA

MAIS

POMODORI

PORRI

RUCOLA

SPINACI

VERZA

CEREALI

AVENA

CARRUBE

CECI SECCHI

CRUSCA

FAGIOLI

FAGIOLI MUNG

GERME DI GRANO

GERMOGLI DI SOIA

LENTICCHIE

LENTICCHIE DECORTICATE

PISELLI

PISELLI GIALLI SECCHI

MALTO

ORZO

SOIA

CARNE

FEGATO

PROSCIUTTO COTTO

INSACCATI CON SPEZIE E AROMI

PESCE

ACCIUGHE

ARAGOSTA ( alcuni la permettono con moderazione)

ARINGHE

BACCALA’

BRANZINO

NASELLO

MERLUZZO

PESCE AZZURRO

SALMONE

SARDINE

SGOMBRO

SOGLIOLA

TONNO

MOLLUSCHI E CROSTACEI

CALAMARI

COZZE

GAMBERI (argentini, atlantici, rosa, ecc)

GRANCHIO

LUMACHE

MAZZANCOLLE

OSTRICHE

POLPO

SEPPIE

SCAMPI

TOTANI

VONGOLE

AROMI

AROMI INDUSTRIALI E SINTETICI

ALLORO

BASILICO

CARDAMOMO

CANNELLA

CUMINO

GINEPRO

MENTA

NOCE MOSCATA

ORIGANO

PREZZEMOLO

SESAMO

CONDIMENTI, LIEVITI E SEMI

CHICCHI DI FRUMENTO

CONCENTRATO DI POMODORO

KETCHUP

LIEVITO CHIMICO IN POLVERE

LIEVITO DI BIRRA

MARGARINA

OLIO DI COCCO

OLIO DI COLZA

OLIO DI PALMA

OLIO DI SEMI

( GIRASOLE, MAIS, ARACHIDI, SOIA, SEMI VARI, PER FRITTURA)

PECTINA CHIMICA

SALSA DI SOIA

SENAPE

SEMI DI CHIA

SEMI DI ERBA MEDICA

SEMI DI LINO

SEMI DI GIRASOLE

SEMI DI PAPAVERO

SEMI DI SESAMO

STRUTTO

SUGNA

ZUCCHERO DI CANNA

ZUCCHERI CHIMICI( Dietor, Tic, ecc)

MALTO D’ORZO

MALTITOLO

MALTODESTRINE

SCIROPPO E GLUCOSIO DI MAIS

BEVANDE

BIRRA

CAFFE’ D’ORZO

CAMOMILLA

LATTE DI RISO CON OLIO DI GIRASOLE

LATTE VEGETALE DI COCCO, MANDORLE, SOIA, ECC

LIQUORI

THE

DOLCI E DOLCIUMI

BARRETTE DI CEREALI

CACAO

CIOCCOLATO

CIOCCOLATO DA BERE

COCO POPS

LIQUIRIZIA

MARZAPANE

MUESLI

NOCE DI COCCO DISIDRATATA

PAPPA REALE

CEREALI E FARINE

AVENA

CORN FLAKES

CRUSCA

FARRO

FARINA 0

FARINA 1

FARINA 2

FARINA DI GRANO SARACENO

FARINA D’AVENA

FARINA DI COCCO

FARINA DI FARRO

FARINA DI ORZO

FARINE INTEGRALI IN GENERE

FARINA DI MAIS

FARINA MONOCOCCO

FARINA DI PISELLI

GRANO SARACENO

MAIS

MAIZENA

MALTO

MIGLIO

MISO

ORZO

POLENTA

SEMOLINO DI MAIS

FORMAGGI

GORGONZOLA

LATTE IN POLVERE

MARGARINA

PENTOLAME E ALTRO

ACCIAIO 18/10

ACQUA DEL RUBINETTO

AGHI

ALLUMINIO NON PURO AL 100%

ALPACCA

AMALGAMA DENTALE

ARGENTO

BARATTOLAME

BIGIOTTERIA

CERAMICA

CHIAVI

COLORANTI VARI PER UTENSILI

COSMETICI

DETERSIVI

FORBICI

GHISA

INCHIOSTRO

(I TATUAGGI SONO VIETATI E ANCHE I PIERCING)

OGGETTI METALLICI

ORO GIALLO A 14 CARATI

(quello giallo deve essere in lega 24 carati senza nichel)

ORO BIANCO

MATERIALE DENTISTICO

(otturazioni dentali, corone d’oro, apparecchi, corone per i bambini)

MATERIALE MEDICO

MONETE

MONTATURE PER OCCHIALI (optare per la plastica o i titanio)

PENTOLE E CO. LACCATE

PLATINO

(se non è puro)

PRODOTTI COSMETICI

PROFUMI

PROTESI

(come alcune dentarie, ortopediche e cardiache)

SIGARETTE

SIGARETTE ELETTRONICHE

SMALTI

STOFFE E PELLI COLORATE

(soprattutto il nero)

TERRACOTTA

TINTURE PER CAPELLI NON TESTATE

TUBATURE

UTENSILI DA CUCINA

VETRO COLORATO

Una volta finita la detox, si devono comunque evitare la maggior parte di questi alimenti, soprattutto quelli con più nichel, per non tornare in fretta al punto di partenza.

La dieta a basso contenuto di nichel va seguita sempre e per sempre, con qualche sgarro ogni tanto per controllare e far rimanere la tolleranza e alternata a cicli di detox e chelazione.

Per chi può sentirne il bisogno, può aiutarsi con il foglio di calcolo per il nichel che si trova in rete o con una nutrizionista, ben preparata, però.

Consiglio in questo caso, di portarsi tutte le liste dietrop per farsi segnare la dieta adeguata e specifica per l’allergia al nichel.

1 pensiero su “LISTA ALIMENTI VIETATI PER IL NICHEL”

  1. Pingback: SPAGHETTI ALLA PUTTANESCA - LE RICETTE DI KIKKALOVE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.