MELAGRANA O MELOGRANO- benefici

>head>


La melagrana o melograno

melagrana aperta
tecnica per aprire il melograno che ho trovato su Facebook e che ho postato sulla mia pagina Lericettedikikkalove

Per saperne di più….

L’inverno ci mette alla prova con gli sbalzi di temperatura, i virus che girano e lo stress quotidiano che può far abbassare le difese immunitarie.

Oggi, quindi, vi voglio parlare di un alleato per noi snassini che può aiutarci durante questa stagione ed è concesso ai nichelini, ai celiaci e ottimo in una dieta vegana.

Recentemente è stato messo nella lista degli alimenti non concessi per gli intolleranti all’istamina, perciò va evitato da chi ne soffre.

Il melograno, questo frutto gustoso ed esotico, che va tanto di moda ormai, soprattutto da quando hanno scoperto i suoi effetti benefici.

La melagrana (detta anche mela granata o solo granata), dal latino malum granatum, è il frutto del melograno. Frutto presente dall’Iran alla zona himalayana dell’India settentrionale, nel Caucaso e nella Macchia mediterranea.

Il nome “melagrana” deriva dal latino malum (“mela”) e granatum (“con semi”).

La sua forma, infatti, ricorda una mela, ma dentro è composta da numerosi chicchi dal gusto leggermente acidulo, con colorazione variabile dal rosa/biancastro al rosso sangue.

L’utilizzo della melagrana….

I semi di alcune varietà selvatiche sono essiccati e macinati, e sono usati come componenti, a volte acidificanti in altre salse.

I semi della melagrana o melograno sono spesso consumati direttamente, ma dato che la parte commestibile è la polpa traslucida che aderisce e circonda il seme, per poter inghiottire la polpa occorre inghiottire anche il seme, legnoso.

( Poi ci sono io, che mangio chiccho chiccho eliminando il semino, come fosse un’oliva…tanta pazienza, ma è perfetto da sgranocchiare la sera davanti la tv, soprattutto se si sta cercando di mangiare meno o per mangiare meno dolci)

Questo spiega il fatto che il maggior consumo si ha dopo la estrazione del succo dalla polpa, come estratto o succo di melagrana.

Le scorze dei frutti hanno anche proprietà aromatiche e vengono utilizzate per dare il gusto amarognolo a Vermouth e aperitivi.

Il sapore del succo è molto variabile, secondo le varietà della melagrana o melograno.

Alcuni succhi possono essere molto dolci, altri più acidi.

Di norma il sapore è intermedio, con una base di dolce, un fondo acidulo, ed un tono leggermente amaro ed astringente dato dalla componente tannica dell’arillo.

Dopo avere aperto il frutto con un coltello è necessario spaccarlo in più parti ed estrarre i semi staccandoli dalle membrane a cui sono fissati.

Come aprire la melagrana o melograno:

Per aprire la melagrana, si devono fare dell incisioni a formare un esagono, a distanza di 5 cm dal picciolo, sulla parte bombata; quindi si elimina la parte superiore.

A questo punto, si praticano delle incisioni parallele alla divisione delle membrane con un coltello, che scendono fino al basso.

Una volta praticate le incisioni, si passa ad aprire il melograno nelle sue sezioni.

Questa tecnica, che potete vedere nel video sottostante, permette di aprire la melagrana in maniera più agevole ed evitando di sporcare dapperttutto con gli schizzi. 

In caso di quantità rilevanti la separazione è favorita dal fatto che immersi nell’acqua i semi affondano mentre le membrane galleggiano.

Le proprietà della melagrana:

La melagrana è un frutto poco calorico; ne contiene solo 75 per 100 gr.

E’ ricco di antiossidanti; in particolare è ricco di flavonoidi che aiutano il nostro organismo a mantenersi in salute e a prevenire l’invecchiamento precoce.

In generale, gli antiossidanti servono a contrastare l’azione dei radicali liberi.

Contiene vitamina A, vitamina C, vitamina E e vitamine del gruppo B.

In autunno, il suo contenuto di vitamine ci aiuta, perciò a prevenire i malanni e rinforzare il sistema immunitario.

Contiene anche diversi sali minerali come il manganese, lo zinco, il potassio, il rame e il fosforo.

La composizione di questo frutto si conclude con acqua, zuccheri e fibre.

La sua quantità d’acqua e il suo contenuto di potassio, la rendono perfetta per depurare l’organismo e per stimolare la diuresi.

Aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e ad abbassare la pressione sanguigna, soprattutto quando il suo innalzamento è dovuto a cause alimentari.

Infine, la scienza ha appurato che l’estratto di melograno protegge i reni e mette il nostro organismo al riparo dalle infezioni, rafforzando il sistema immunitario, come già detto.

Io ne faccio scorta ogni settimana e, in questo periodo, lo sgranocchio tutte le sere come se fossero dei pop corn davanti la tv….

solo una pecca…macchia le mani!!!

Il rimedio….

Ho tutte le unghie e le mani macchiate dal suo succo, come può succedere con la curcuma( macchia anche i denti), la melanzana e il carciofo…. per rimediare, basta prendere una ciotolina, riempirla di acqua tiepida e spremerci il succo di mezzo limone.

Tenere le dita in ammollo per 5 minuti per mano.

Le dita e le unghie si sbiancheranno.

Indicato anche per togliere dalle dita le macchie da nicotina.

….buona scorpacciata di melagrana!!

Per il videotutorial  su come aprire un melograno clicca qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.