CORNETTI VEGAN SENZA NICHEL A LIEVITAZIONE NATURALE

Cornetti vegan senza nichel a lievitazione naturale

Oggi provo a fare  i cornetti in casa, con il mio lievito madre, senza lievito di birra, quindi, senza lattosio e senza uova….un’impresa!!!

Ormai gli esperimenti sono parte della mia routine quotidiana, nel tentativo di reintegrare, anche se con sostituti anallergici, tutte quelle cose di cui mi sono dovuta privare….ho già reintegrato  pane, pancarrè, ghiaccioli, gelatine, biscotti e torte varie, che potete trovare nel mio blog, ma i cornetti, pieni di uova e burro li vedevo lontani lontani….mi sono finalmente decisa a fare questo tentativo…..

preparare i cornetti vegan senza nichel a lievitazione naturale, sperando che riescano bene e voglio condividere con voi il mio tentativo.

Lo spunto….

La ricetta base l’ho presa dal canale di Ermen Vanilla Heart, che fa tante lavorazioni con il lievito madre.

Mi sono iscritta anche al suo gruppo e le chiedo spesso consigli…è già difficile fare le sostituzioni, ma dover cambiare anche le dosi del lievito madre risulta un pò complicato a volte, soprattutto per una principiante come me, ma, come sempre nel mio stile, se devo imparare, lo devo fare dai migliori e dare il massimo…..Ermen, poi è molto disponibile e risponde a tutte le mie domande e dubbi e anche alle altre, soprattutto quando sono in dubbio se una sostituzione possa andare bene o meno.

E’ fondamentale usare il giusto sostituto delle uova per avere un buon risultato, altrimenti la ricetta non riuscirà…ed io ne so qualcosa…molte ricette andate male e soldi ed ingredienti buttati, che mi dà fastidio…poi ho trovato dei gruppi che mi potessero aiutare nella mia nuova ricerca e stile di vita nichel free, a lievitazione naturale!!

INGREDIENTI:

150 GR LICOLI RINFRESCATO E RADDOPPIATO

90 GR ZUCCHERO

1 CUCCHIAIO DI BURRO DI RISO* + 50 gr durante le pieghe

240 ML ACQUA TIEPIDA

40 GR POLPA DI MELA

1 CUCCHIAINO DI PASTA D’ARANCE

500 GR DI FARINA W 300/ w ( oppure 250 gr farina 00 + 250 gr manitoba) ( oppure 350 gr farina w350 Garofalo+ 150 gr farina 00)

MARMELLATA O CREMA SPALMABILE  per la farcia

Preparazione dei cornetti vegan senza nichel a lievitazione naturale:

Rinfrescare il licoli e farlo raddoppiare per circa 4 h.

Per le mie ricette,  io uso la farina Garofalo e anche la pasta**  perchè non contiene contaminazioni di soia o altri ingredienti che potrebbero darci noia.

Versarlo in una ciotola o una planetaria e far sciogliere il licoli con l’acqua tiepida, poi aggiungere lo zucchero, la polpa di mela, il cucchiaino di burro e il pizzico di sale.

Cucchiaio di burro di riso prelevato dal freezer

Far amalgamare il tutto e aggiungere le farine setacciate.

Impastare il  tutto a mano o a velocità 2 fino a che incorda.

Pirlare leggermente l’impasto
Mettere l’impasto in ciotola

Trasferire su una ciotola ( io uso una ciotola da lievitazione che avverte quando la lievitazione è arrivata). chiudere e mettere in frigo per tutta la notte.

Io ho impastato la sera verso le 22.

Al mattino, spostare su un piano di lavoro infarinato e formare un rettangolo, allungandolo molto.

Al centro ho steso un 40 gr di burro di riso morbido ma ancora compatto possibilmente, altrimenti riducete il quantitativo. Data una leggera spennellata altrimenti.

Prendete un’estremità del rettangolo e portatelo al centro, poi portate al centro anche la seconda estremità; girare di 180 gradi e chiudre a metà ulteriormente, formando una piega a 4, così chiamata perchè vi ritroverete 4 pieghe una sopra l’altra, coprire con pellicola e far riposare in frigo per 30/40 minuti.

Portare una estremità al centro

 

Riprendere l’impasto e mettere la chiusura dell’impasto, dove si vedono le 4 pieghe verso il basso se avete un piano di lavoro grande e rettangolare. Se lavorate in orizzontale l’impasto per la lunghezza, tenete la chiusura in basso; se lavorate in verticale, tenete a destra la chiusura. Stendere solo per il verso orizzontale, allungando il più possibile;io ho steso un velo leggero di burro di riso, portando un’estremità al centro e poi l’altra a chiudere il tutto.

Portare la seconda estremità a chiusura del tutto

Ricoprire di nuovo con pellicola e rimettere in frigo per altri 30/40 minuti. Ripetere le pieghe  a 3 per altre 2 volte.

Stendere con un mattarello l’impasto il più sottile possibile  a formare un rettangolo.

Con un tagliapizza, praticare delle incisioni a formare dei triangoli rettangoli.

Fare un taglietto al centro della base, versare 2 cucchiai di marmellata o crema spalmabile,chiudere verso l’interno le estremità dei tagli e iniziare ad arrotolare l’impasto a formare dei cornetti. Partire dalla base e arrotolare fino alla punta.

Potete spalmare ulteriormente burro di riso (per i cornetti e meglio burro vaccino,strutto o margarina ma io non posso usare nessuno di questi)

Io ne ho messa troppo poca di marmellata ma non mi aspettavo che ricrescessero così tanto😅

Fare un taglietto al centro
Chiudere verso l’interno le due estremità
Aggiungere 2 cucchiai di marmellata

Lasciar lievitare a temperatura ambiente per altre 8/10 h

Cornetto lievitato 8 h

Prima di infornare, io li ho spennellati di latte di riso e avevo messo una ciotola di acqua nel fondo per dare maggiore umidità e non farli seccare tropot.

E un ottimo espediente per chi ha il forno che tende a seccare o per non far uscire la crosta troppo dura nelle preparazioni dove è prevista, invece, una certa morbidezza

Cuocere in forno statico a 200° C gradi per 15 minuti

 

Far raffreddare i cornetti su una griglia.

dav

La degustazione:

Purtroppo non mi è uscita la sfogliatura: mi sono bloccata a mettere il burro di riso perché avevo paura che sapesse troppo di olio…ho sbagliato perché il burro era troppo morbido. L’ho tirato la notte prima fuori dal freezer e invece avrei dovuto toglierlo solo qualche ora prima per avere la giusta consistenza che mi serviva per sfogliare. Perciò, state attenti se usate il burro di riso fatto in casa…vi dico dove ho sbagliato nella sfogliatura così non commettete lo stesso errore. Questo per avere il cornetto con le classiche sfoglie interne.

Potete tranquillamente arrivare ad usare anche 80 gr di burro di riso, facendo attenzione a usare una versione a pomata e non liquida.

In questo caso, invece, abbiamo dei cornetti vegan senza nichel a lievitazione che ricordano quelli del forno o quelli confezionati, senza però, tutti gli ingredienti tabù e ingrassanti che ci sono.

Sono usciti buoni e soffici e li abbiamo riempiti a piacimento, almeno quelli vuoti 😋 per quelli ripieni, abbiamo aggiunto altra crema o marmellata perché da veramente poca all’interno…come si dice… sbagliando si impara!😊

Non mi aspettavo che i cornetti vegan senza nichel a lievitazione naturale ricrescessero così tanto, ma ho risolto aprendoli e aggiungendo altra marmellata!

Comunque, a casa sono piaciuti, anche ai non allergici e ipercritici conponenti della mia famiglia 😂😂loro possono mangiare tutto e non hanno bisogno di impazzirsi come me (al posto mio smetterebbero di mangiare queste cose e basta, io invece mi accaniscono nel sostituire tutto quello a cui ho dovuto rinunciare 😅)

Si mantengono bene in un sacchetto chiuso per almeno 3 giorni.

Ricetta vegan, senza nichel, senza lievito di birra, senza uova, senza lattosio, senza latticini e light.

*Da agosto 2018 la pasta Garofalo presenta contaminazioni di soia e non è più indicata per chi sceglie pasta senza contaminazioni come me. Stesso problema con i marchi Liguori, Rummo e Molisana.

Controllate ogni confezione, sempre. Gli stabilimenti possono cambiare i procedimenti, gli stabilimenti o aggiungere altre preparazioni che rendano non idoneo al nichelino o al celiaco il prodotto, anche quello che ha sempre acquistato.

** Se non avete il burro di riso, potete usare l’olio evo nell’impasto dei cornetti vegan senza nichel a lievitazione naturale e non metterlo nei passaggi di pieghe e nell’arrotolatura.

In questo caso, uscirà un cornetto che ricorda molto quelli che si comprano al supermercato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.