GNOCCHI ALLA ZUCCA VEGAN SENZA NICHEL

>head>

Gnocchi alla zucca vegan senza nichel

gnocchi alla zucca vegan senza nichel
gnocchi alla zucca vegan senza nichel

Ho avuto il periodo della pasta fresca appena iniziata la dieta detox, mi sono cimentata con le tagliatelle acqua e farina, le sagnette di farina di ceci e, infine, gli gnocchi alla zucca.

Non sono un’amante degli gnocchi di patate, non mi piace la consistenza ma, quest’anno ho iniziato a mangiare la zucca e ho  sperimentato  vari modi per capire come mi piaceva di più, quindi…perchè non sperimentare gli gnocchi?

Una mia amica aveva postato questi gnocchi alla zucca e sembravano buoni.

Le ho chiesto la ricetta, apportando dei cambiamenti, togliendo le uova che non posso mangiare e dando loro una consistenza più soda.

La sua versione prevedeva l’utilizzo di una sac à poche e di fare gli gnocchi direttamente sopra l’acqua bollente.

Improponibile per me.

Ho bisogno di un cambiamento per poterli congelare ( se faccio la pasta fresca ovviamente ne faccio di più per poterla congelare, non posso fare di continuo la pasta fresca) e, soprattutto mi servono per il giorno dopo.

Il risultato è stato uno gnocco con una giusta consistenza, adatto a essere congelato.

I condimenti più ideali per gli gnocchi alla zucca sono burro e salvia,con i formaggi o con un ragù di salsiccia, oppure con una crema di verdure, per esempio di zucchine.

INGREDIENTI:

800GR ZUCCA GIALLA
200 GR DI FARINA 00 + 50 GR DI FARINA KAMUT

(da usare dopo il tempo di riposo o semola,  farina di riso o quella che state usando)
SALE E PEPE
2 CUCCHIAI DI FECOLA DI PATATE + 1 CUCCHIAIO D’ACQUA (preparate il composto in un bicchiere)

Per i celiaci, potete usare 1 uovo o sostituire la fecola di patate con amido di mais o riso ( altre opzioni di sostituzione dell’uovo clicca qui) e una farina mix o farina di mais o riso,o entrambi). I passaggi sono gli stessi.

Preparazione degli gnocchi alla zucca vegan senza nichel:


Tagliare la zucca a fette dopo averla sbucciata (ma va bene anche con la buccia) e metterla su una placca forno ricoperta di carta forno.

Infornare a 180 ° C per 20/30 minuti

zucca al forno
tagliare a fette la zucca e passarla in forno
frullare la zucca


Sfornare, prendere uno schiacciapatate e tritare la zucca( se avete una zucca molto acquosa, nel passarla nello schiacciapatate far prima sgocciolare l’acqua in eccesso e poi mettere in una ciotola la zucca schiacciata).

Io lo uso lo schiacciapatate in plastica della Colina, che ha solo il fondo traforato in alluminio, facilmente sostituibile e con poco nichel rispetto ad uno schiacciapatate in alluminio classico.
Passare la zucca su una padella antiaderente e farla stufare, senza nulla, per qualche minuto per far ritirare ulteriore acqua in eccesso.

Ora dovrebbe essere abbastanza asciutta per poterla impastare( passaggio facoltativo).

In una ciotola mettete la zucca, il sale e il pepe, la farina e iniziare a impastare, quindi aggiungete la fecola di patate sciolta e continuate ad impastare.

La farina mettetela un po’ alla volta, in modo da controllare che non diventi troppo compatta.

impasto degli gnocchi vegan senza nichel
impasto degli gnocchi vegan senza nichel

Riporre in frigo per mezz’ora.

Riprendete la pasta e lasciatela ancora con la farina kamut e statene anche per spolverare il piano di lavoro e il vassoio.

Appena l’impasto avrà una giusta consistenza al taglio, fare prima delle fettine da 1,5 cm, poi delle palline da 1 a 1,5 cm.

Posizionateli ben distanziati sul vassoio e cospargeteli di farina kamut.
In fase di cottura affondano ma risalgono quando sono quasi pronti.

Lasciarli cuocere un altro minuto e scolarli.

I tempi di cottura variano in base alla grandezza dello gnocco.

Volendo li potete congelare, mettendoli prima in un piatto di plastica coperto di pellicola, lasciarli 1 h in freezer, quindi passarli una bustina da freezer e riporre in congelatore.

Per la videoricetta clicca qui

Gnocchi di zucca con crema di zucchine
Gnocchi di zucca con crema di zucchine

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.